cloud
cloud
cloud
cloud
cloud
cloud

La voce di un bambino | Musiche per bambini

La voce di un bambino
Musiche per bambini

La nascita di un figlio vista con gli occhi di un papà!
La voce di un bambino

Se sento fuori il vento che soffia un po’, mi prende la malinconia e penso che
il mondo non è bello e so il perché, e qui non resterò.
È un mondo che si è spento dei suoi colori,
e m’intristisco e resto a guardarlo da fuori
è tutto bianco intorno a me, odore acre di medicine.
E arriva la sirena che fa paura, e penso a quel qualcuno che non sta bene,
un vecchio se ne sta seduto, lo sguardo spento, come i colori, di questo mondo.

E poi come dal nulla giunge piano un suono,
e sale e distingue ed è solo un pianto,
il pianto di un bambino che si diffonde, e penso che sta male.
Ma è solo un istante, solo un secondo,
e mi rendo conto che è un vagito,
il pianto di un bambino venuto al mondo,
la voce che si espande di un neonato,
che penetra frantuma e infrange i muri.
La voce di un neonato frantuma tutti i muri.

E vai e vai e vai si espande, tra le stanze grigie o bianche,
e tutto intorno sembra già cambiare.
La voce di un bambino viaggia, e il mondo si riprende i suoi colori
E il vecchio adesso accenna un sorriso.

Se c’era freddo o caldo io non ricordo,
quel giorno fu un po’ strano, un po’ contorto.
però rammento il tutto era un po’ inespressivo, senza luce…
E la tensione forte di chi attende, si vede ad occhio nudo ed è lampante
La mia la potevi afferrare, calciare via come un pallone…
E all’improvviso arriva quell’infermiera,
e in braccio ha un fagottino, che tenerezza.
S’illumina il mio sguardo ansioso,
un senso pieno di grandezza, ma fa paura, e che paura.

E poi pian piano sento la sua vocina,
si espande nella stanza come sinfonia,
e attraversa le pareti delle stanze grigie e bianche,
ma è solo un secondo, solo un istante,
e arriva tra le mie braccia e sento,
la voce del mio neonato che si diffonde,
la pioggia che dagli occhi copiosa scende,
e penso che ora posso anche morire,
e mentre sono lì e ti tengo tra le mie braccia
il mondo sembra andare per conto suo,
ma non aver paura, io resto qui,
mentre il tuo pianto vola come fosse musica, lacrime scendono giù

E vai e vai e vai si espande, tra le stanze grigie o bianche,
e tutto intorno sembra già cambiare.
La voce di un neonato sale, si effonde  e inebria l’aria
e la malinconia se ne va. 

Accordi:

La  Mi   Fa♯-  Fa  Re-  Re-7
La  Mi  Fa♯- Sol♯-  Re7+  Mi7
La  Sol7+/9  Fa♯-  Sol♯-    Re7+  Re♯-7
La   Re7+/9  La  Re7+/9      Mi  Mi7  Re  Mi  La
La  Re7+/9  Do♯-  Fa♯-  Fa  Re-  Re-7  Mi7
La   Re7+/9  Sol♯7  Sol♯-7/si  Mi7+9

Clicca qui  per ascoltare altre canzoni per bambini


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *