cloud
cloud
cloud
cloud
cloud
cloud


Libro sul bullismo
Il metodo dei quattro cantoni

In questo libro trovano spazio notizie utili a insegnanti, educatori, genitori e operatori che si trovano, loro malgrado, ad affrontare il Bullismo.

Libro bullismo
Libro bullismo

 

Il metodo dei quattro cantoni è un libro online che affronta il tema del bullismo. È un lavoro frutto di anni di studio, esperienza diretta e indiretta, di sperimentazione e di risultati ottenuti.

Il libro è suddiviso in 3 parti.

  • La prima parte spiega che cosa è il bullismo, chi sono i protagonisti, quali sono le dinamiche con il fenomeno cui si manifesta, approfondisce quali sono le cause. In questa sezione vengono anche esaminate tipologie e modalità di bullismo e nuove figure mai prese in considerazione prima.
  • Nella seconda sezione vengono analizzati i metodi utilizzati a livello nazionale ed internazionale. Vengono prese in considerazione le metodologie più importanti, che vengono scomposte ed esaminate minuziosamente, attraverso una critica costruttiva che cerca di elogiare ciò che c’è di buono viene proposto e viene evidenziato ciò che invece non funziona. Si è cercato di rilevare gli errori che vengono commessi da autori, insegnanti, dirigenti scolastici e istituzioni quando si trovano ad affrontare situazioni di bullismo. Il libro cerca di mettere sotto la lente di ingrandimento quei suggerimenti, quelle proposte e quelle conclusioni che invece di ridurre il problema lo acutizzano. Particolare attenzione e critica viene rivolta, infatti, a quei consigli pericolosi che si trovano spesso nei libri, ma soprattutto in rete, consigli che spesso, nonostante le buone intenzioni, rischiano di ottenere l’effetto contrario di quello desiderato, inasprendo la già difficile condizione che vive giorno per giorno la vittima. Il nostro lavoro cerca di mettere in risalto la poca conoscenza che c’è del fenomeno, soprattutto da parte dei mass-media e dell’opinione pubblica; soprattutto però cerca di ridimensionare il lavoro di alcuni operatori che pur non avendo mai letto o studiato il bullismo, ritengono di poter elargire consigli e giudizi attraverso le proprie esperienze o gli studi svolti in campi diversi, aumentando la confusione che già si aleggia intorno all’argomento.
  • La terza parte illustra il Metodo dei quattro cantoni, una metodologia sperimentata, basata sul lavoro di equipe, sulla formazione specifica degli insegnanti, per proporre un intervento psico-comportamentale, che va a toccare le emozioni, le affettività e le relazioni dei bambini, stimolando la loro curiosità, la voglia di interagire, di socializzare, del vivere insieme, ma, soprattutto, insegnando loro il rispetto di tutto ciò che ci circonda: oggetti, ambiente e persone. Il metodo dei quattro cantoni mira a ridurre, se non addirittura eliminare, il bullismo, ma lo fa senza perquisire il cervello dei protagonisti, vittima e bullo. Senza avvalersi della spia dei compagni. Lo fa senza fare la guerra al bullo, ma cercando di arginarne i comportamenti negativi, e aiutando la vittima ad inserirsi nel gruppo classe.  Perché di tutte le parole che possiamo scrivere e dire ci sono due priorità e sono imprescindibili: fermare il bullo e proteggere la vittima; tutto il resto è complementare.

 

Vi auguriamo, infine, una buona lettura aggiungendo che oggi il problema del bullismo è molto sentito ma, purtroppo, troppo spesso viene confuso con quegli episodi di gravi violenza che accadono nella scuola, ma che, quasi sempre, non hanno a che vedere con il bullismo. Gli episodi di gravi violenze accadono raramente e quando si verificano riempiono pagine di giornali e ore di trasmissioni radio/televisive, con titoloni che mirano solo alle vendite e agli ascolti. Ma il bullismo, quello vero, non è raro, ma è più frequente di quanto si possa pensare, ma non finisce sulle pagine dei giornali, salvo quando degenera, spesso non finisce nemmeno sulla scrivania dei dirigenti scolastici, ma può provocare danni psicologici gravi, a volte irreversibili ai soggetti coinvolti, soprattutto alle vittime.

 

 IL LIBRO